PoliTO, M.I.T. e la Propulsione Umana

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Dall'iniziativa di Matteo Durelli e Andrea Carraro, due studenti del Team Policumbent (Politecnico di Torino), nasce un'interessante opportunità di scambio culturale e scientifico per il mondo accademico umanopropulso. E' stata infatti approvata una richiesta di finanziamento sul tema dei veicoli a propulsione umana nell'ambito del progetto MITOR, un'iniziativa volta all'avvio di scambi e collaborazioni tra il rinomato Massachusetts Institute of Technology (M.I.T.) di Boston e il Politecnico di Torino.

Il programma di massima prevede viaggi di conoscenza tra docenti e studenti coinvolti, al fine di pianificare in dettaglio le attività di collaborazione., di condividere le rispettive competenze e di pensare a possibili sviluppi congiunti delle attività. Il progetto dovrebbe inoltre concretizzarsi in un periodo di permanenza presso il M.I.T. per i due studenti che hanno raccolto con entusiasmo l'idea di partecipare al bando in settembre. A conclusione dell'esperienza è prevista l'organizzazione di un seminario presso il Politecnico di Torino sui temi sviluppati durante la collaborazione, auspicabilmente con la presenza di qualche docente di Boston.

Si ricorda che proprio il M.I.T. è da sempre in prima linea sul tema dei veicoli a propulsione umana, fin dai tempi di David Gordon Wilson. Proprio quest'ultimo, pur in pensione ormai da qualche tempo, è stato di grande aiuto nell'indicare prontamente ad Andrea e Matteo i nominativi di suoi colleghi in cattedra potenzialmente interessati a concorrere nella stesura della proposal.

Ovviamente si tratta di un primo piccolissimo passo e la strada è ancora tutta da percorrere, ma l'augurio è che la collaborazione possa crescere ed svilupparsi negli anni a venire, contagiando anche altri partner, accademici e non, e contribuendo alla crescita del movimento Human Power.

Come si dice in questi casi: se son rose...